Il POR – Piano Operativo Regionale CReO

La Toscana è nel gruppo delle prime Regioni italiane che hanno ottenuto l’ok di Bruxelles. Da oggi sono disponibili risorse finanziarie per un miliardo e 126 milioni di euro che la Regione, in linea con la programmazione regionale e gli orientamenti strategici comunitari, utilizzerà per rafforzare l’economia e per qualificare il sistema delle infrastrutture (servizi e opere pubbliche per le imprese e le comunità locali). La Commissione europea ha infatti approvato il Programma operativo regionale Obiettivo “Competitività regionale e occupazione” 2007-2013 (POR CReO 2007-2013) della Toscana finanziato con il fondo FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale). «Il POR CReO – ha commentato l’assessore all’innovazione e alle attività produttive Ambrogio Brenna – è una risorsa primaria per qualificare lo sviluppo della Toscana. I risultati del precedente programma, il DocUP Obiettivo 2 2000-2006, ora in fase di esaurimento, sono ottimi. Il POR CReO si inserisce su questa esperienza e abbiamo l’ambizione di un successo ancora più ampio. La Regione darà molto spazio ai progetti di investimento delle imprese che puntano
alla ricerca e all’innovazione. E’ la strada maestra per aiutare gli imprenditori e tutto il sistema Toscana a vincere le sfide della competizione globale». Parte adesso l’iter amministrativo e procedurale che già con la ripresa post feriale darà il via concretamente alle iniziative di finanziamento. Gli uffici regionali sono al lavoro per la preparazione dei primi bandi attraverso i quali vengono erogati i contributi ai progetti presentati dagli imprenditori, dagli enti  locali e da altri soggetti pubblici. Quali sono i settori che beneficeranno dei finanziamenti? Cinque gli obiettivi prioritari del Programma CReO. La Regione punta a consolidare la competitività del sistema produttivo regionale promuovendo la ricerca, il trasferimento
tecnologico e rafforzando i processi di innovazione e l’imprenditorialità. Incentivi agli investimenti che valorizzano le produzioni locali e promuovono la sostenibilità ambientale. Una quota rilevante di risorse sarà destinata al rafforzamento del sistema energetico e alla realizzazione di impianti che sfruttano le fonti rinnovabili. Con questo programma verranno finanziati “grandi progetti” nel settore dei trasporti
(parte della tramvia nell’area fiorentina, tratti ferroviari nella Toscana del nord) e verranno accolti progetti importanti che ampliano l’accessibilità per tutti (internet e banda larga nelle zone montane e rurali ancora escluse). Altro obiettivo prioritario sono gli interventi (cultura, turismo) per qualificare le aree urbane e aumentare la competitività e l’attrattività dei sistemi metropolitani sui mercati internazionali.
La Toscana ha da oggi a disposizione una nuova opportunità. E’ rilevante la quantità delle risorse da impiegare, è molto snella la tabella di marcia che ha permesso una rapida approvazione da parte di Bruxelles e consentirà di partire operativamente nei prossimi mesi. Grazie al lavoro degli uffici regionali, la
Toscana ha dimostrato anche questa volta di non mancare i più importanti appuntamenti con la programmazione comunitaria.

Lo puoi trovare qui.

About Vittorio Bugli

Assessore alla Presidenza della Regione Toscana

, ,

No comments yet.

Lascia un Commento