Incentivi: Riqualificazione ambientale di aree per insediamenti produttivi

Incentivi: Riqualificazione ambientale di aree per insediamenti produttivi

Linea 1 “Infrastrutture per i settori produttivi” Tipologia I – “Riqualificazione ambientale di aree destinate ad insediamenti produttivi

Data di scadenza: 02 luglio 2012

 

Finalità
E’ stato approvato con decreto 5452 del 25 novembre 2011 il bando relativo alla riqualificazione ambientale di aree per insediamenti produttivi.
Tale bando mira a sostenere progetti con elevati livelli di sostenibilità ambientale e che mirino al recupero di spazi fisici degradati e di aree per insediamenti produttivi dimesse, siano caratterizzati da un limitato livello di espansione dell’edificato, realizzino una dotazione aggiuntiva, rispetto agli standard urbanistici di attrezzature e servizi collettivi, utilizzino tecniche di edificazione eco-compatibile.
Con Decreto 633 del 24 Febbraio 2012 viene modificato il Bando “Riqualificazione ambientale di aree destinate ad insediamenti produttivi” approvato in Allegato 1 al Decreto n. 5452 del 25/11/2011.

Soggetti beneficiari
Possono accedere al presente bando i seguenti soggetti:
– comuni, province, comunità montane, Enti pubblici (ivi compresi gli enti riqualificati in senso pubblicistico dalla giurisprudenza ed enti equiparati alla P.A. sul piano funzionale) e loro consorzi;
– università e istituti di ricerca pubblici singoli e associati, anche in forma consortile;
– consorzi e società miste pubblico/private a maggioranza pubblica nei casi consentiti dalla normativa vigente;
– fondazioni a totale composizione pubblica.

Localizzazione
Le risorse saranno destinate ad interventi localizzati all’interno dell’intero territorio regionale, con una riserva finanziaria, fino al 15% delle risorse del Fondo, destinata ai territori dei comuni classificati montani dalla disciplina regionale vigente.

Agevolazioni
Le agevolazioni potranno essere concesse, a scelta dei soggetti richiedenti, con una delle seguenti modalità alternative:
– sotto forma di “contributo a fondo perduto”, fino alla misura massima del sessanta per cento dell’investimento complessivo ammissibile, al lordo dell’eventuale quota di IVA non detraibile risultante da idonea dichiarazione sottoscritta dal Soggetto richiedente (MODULO 2);
– sotto forma di finanziamento agevolato (a tasso zero), fino ad un importo massimo del cento per cento dell’investimento complessivo ammissibile, al lordo dell’eventuale quota di IVA non detraibile risultante da idonea dichiarazione sottoscritta dal Soggetto richiedente (MODULO 2); il finanziamento suddetto dovrà essere restituito sulla base di un piano di ammortamento di durata
compresa tra i 5 ed i 10 anni con rate posticipate costanti a cadenza annuale.

Scadenza
Le domande di contributo dovranno essere redatte esclusivamente on-line, secondo le modalità indicate nel bando, a partire dal 02/04/2012. Tali domande dovranno poi essere inoltrate ion formato cartaceo, a mezzo raccomandata A/R, entro il giorno 02/07/2012. Farà fede il timbro postale di spedizione.

Per saperne di più
Informazioni e chiarificazioni sul contenuto del bando e sulle modalità di compilazione della domanda possono essere acquisite, su specifica richiesta, ai seguenti indirizzi e-mail:

· supportofiprourb@sviluppo.toscana.it, per le eventuali problematiche di natura informatica incontrate nella compilazione della domanda on-line;

· assistenzafiprourb@sviluppo.toscana.it, per eventuali problematiche inerenti ai contenuti della scheda progettuale on-line.

Rif. 272956

About Vittorio Bugli

Assessore alla Presidenza della Regione Toscana
No comments yet.

Lascia un Commento