Fatturazione elettronica, la Toscana c’è

FERTLo scorso 31 marzo è scattato l’obbligo di legge, per le imprese che devono inviare fatture alla pubblica amministrazione, di farlo utilizzando esclusivamente il canale telematico. La Toscana si è fatta trovare pronta, compiendo un altro passo avanti nel processo di semplificazione e digitalizzazione dei servizi. Con l’addio alle fatture di carta abbiamo infatti realizzato e messo a disposizione la piattaforma FERT, acronimo di Fatturazione Elettronica Regione Toscana, che diventa una vera e propria interfaccia a disposizione di enti e fornitori.
Crediamo fortemente nella fatturazione elettronica e in generale nella informatizzazione della pubblica amministrazione, ma vogliamo che tutto questo risulti il più semplice e di facile utilizzo possibile. Fert, a cui naturalmente si accede anche da Open Toscana, serve a questo.
Sono numerosi i vantaggi e le semplificazioni che la piattaforma è in grado di offrire. Alcuni esempi: senza FERT un fornitore della Pa, una piccola azienda, si deve preoccupare di sapere qual è il formato con cui deve inviare la fattura alla piattaforma nazionale e procurarsi le varie caratteristiche previste nei campi di compilazione. Con FERT l’azienda va direttamente sulla piattaforma della Regione, inserisce i dati in una maschera e preme invio: al resto pensa il nostro sistema. Ancora: senza Fert, l’ente a cui è inviata la fattura la riceve dalla piattaforma nazionale e poi deve reimmetterla o acquistare un software che lo faccia. Con Fert si può semplificare molto questo interfacciamento. Si può inoltre usufruire di alcuni servizi aggiuntivi, come la disponibilità di un registro delle fatture per ogni ente e la conservazione a norma o il collegamento con la Piattaforma di certificazione del credito nazionale (PCC) per verificare in tempo reale l’aggiornamento sullo stato delle fatture.
Infine questo sistema può essere utilizzato anche da altri. Già lo usano le agenzie regionali e diversi Comuni, Province e Unioni dei comuni. Altri enti locali hanno chiesto di aderire e cominceranno ad usarlo nelle prossime settimane. Siamo anche in contatto con il mondo sanitario per portare su Fert tutte le aziende.

About Vittorio Bugli

Assessore alla Presidenza della Regione Toscana
No comments yet.

Lascia un Commento