Pa sempre più “open”: una questione di metodo, una sfida per la politica

Essere arrivati ad un’unica interfaccia condivisa per i Suap della Toscana è un risultato che non era scontato. Così come non lo erano le altre otto misure di “Semplifica Toscana”: nodi e ostacoli della burocrazia che sono stati risolti. Ci siamo riusciti affrontando la questione con un metodo diverso: andando a chiedere direttamente a chi ogni giorno ha a che fare con la pa che cosa non va ma soprattutto idee e suggerimenti per migliorarla e renderla più efficiente.
La stessa idea che ha ispirato la nascita di Open Toscana: un luogo in cui la pa non si limiti ad offrire servizi “a sportello” al cittadino ma ci si confronti e ci collabori. Vorremo che tutto questo, come ho detto stamani a Castelfranco di Sotto (foto in basso) durante un convegno su Suap e semplificazione, diventasse l’inizio di un nuovo paradigma. Non calato dall’alto ma condiviso, in cui la soluzione suggerita da uno (cittadino, impresa, ente locale) possa magari diventare un modello valido per altri. O anche per tutti se funziona.
Se vogliamo andare verso questo modello e rafforzarlo dobbiamo remare tutti dalla stessa parte. Con investimenti che si concentrino tutti in una direzione anziché disperdersi in mille rivoli e per sviluppare le infrastrutture e la tecnologia necessarie. Essere “open” non solo a parole ma nei fatti, aprendosi all’innovazione e anche a contaminazioni esterne. E’ una sfida che riguarda non solo la pa, ma tutta la politica.

suap02 suap01

About Vittorio Bugli

Assessore alla Presidenza della Regione Toscana
No comments yet.

Lascia un Commento